Quali Sono i Rischi dell’Amniocentesi? Ecco Quando Conviene Farla

1759

Quali sono le future mamme cui il medico può consigliare di fare l’amniocentesi?

Anche se la scelta di fare o meno un test diagnostico di tipo invasivo dipende solo da voi, ci sono alcune situazioni in cui il medico potrebbe consigliarvi di effettuare l’amniocentesi per accertare lo stato di salute del vostro bambino.

In generale il test viene consigliato alle gestanti che presentano almeno una di queste condizioni:

• Aver riportato un aumentato rischio per la sindrome di Down o altro problema di natura genetica negli esami di screening del primo e secondo trimestre (bitest, tritest, traslucenza nucale e così via);

Avere nelle vostra famiglia, o in quella del vostro compagno, casi conclamati o portatori sani di una malattia genetica come la fibrosi cistica o l’anemia falciforme;

• L’aver concepito in precedenza un altro bambino affetto da anomalie genetiche, anche se non avete portato a termine la gravidanza;

• Avere un’età avanzata, perché le probabilità di concepire un bambino affetto da sindrome di Down aumentano in modo esponenziale con l’avanzare degli anni della madre (una donna di 25 anni ha una probabilità su 1.200 di concepire un bambino malato, una di 40 ne ha invece una su 100).

Se vi venisse consigliato di fare un’amniocentesi perché rientrate in una di queste categorie o avete più di 36 anni, potete chiedere la consulenza di un genetista per comprendere meglio quali rischi si corrono e cosa riuscirete a sapere effettuando il test.

Nessun medico può comunque imporvi di effettuare test di tipo invasivo se non conformi alle vostre idee o a quelle del vostro compagno.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.