La Lista di Tutti gli Esami da Fare in Gravidanza Mese per Mese

5187

Esami da fare nel primo trimestre di gravidanza (1-13 settimane)

Se avete scoperto di essere incinte con un test di gravidanza, per averne conferma dovete sottoporvi ad un esame del sangue chiamato Beta Hcg. Questo esame misura l’ormone Beta Hcg presente nel sangue, a seconda della quantità viene confermata o esclusa la gravidanza, e vi indica approssimativamente la settimana in cui siete.

Dopo questo esame il vostro ginecologo vi sottopone a una serie di esami del sangue in gravidanza necessari per escludere, o eventualmente tenere sotto controllo, patologie della mamma e del nascituro.

Ecco l’elenco delle principali analisi da fare nel primo trimestre di gravidanza.

  • Emocromo, serve per verificare la presenza di anemia, carenza di piastrine o altre problematiche legate al sangue.
  • Gruppo sanguigno.
  • Fattore RH.
  • Test di Coombs indiretto serve per verificare la presenza di “anticorpi anti emazie” che potrebbero essere responsabili di emolisi (rottura dei globuli rossi) nel feto. Se avete RH negativo va ripetuto a cadenza mensile durante tutta la gravidanza.
  • Transaminasi (AST, ALT) creatininemia, glicemia, permettono di controllare le condizioni del fegato, dei reni e del metabolismo degli zuccheri.
  • VDRL, TPHA serve per individuare la presenza di anticorpi contro il Treponema pallidum batterio responsabile della sifilide.
  • Toxotest serve per ricercare la presenza di anticorpi contro il toxoplasma.
  • Rubeotest, ricerca anticorpi contro il virus della rosolia.
  • Anti-HCV è l’esame per verificare la presenza nel sangue del virus dell’epatite B.
  • HbsAg ricerca gli anticorpi contro l’epatite
  • Anti-HIV1-2 ricerca della presenza di anticorpi contro il virus dell’immunodeficienza acquisita responsabile dell’AIDS.
  • Pap-test che si può evitare se già effettuato negli ultimi due anni.

Il Toxotest e il Rubeotest se negativi vengono ripetuti mensilmente per tutta la durata della gravidanza, visti i rischi collegati a queste patologie quando si è in attesa di un bambino.

All’esame del sangue si aggiunge l’esame delle urine e l’urinocoltura che permettono di rilevare la presenza di infezioni delle vie urinarie, di diabete gestazionale o di alterazioni dei reni.

Ecografia primo trimestre

La prima ecografia è sicuramente uno degli esami in gravidanza più emozionanti. E’ il momento in cui realizzate che dentro di voi sta crescendo una nuova vita. Dopo l’eventuale test di gravidanza, gli esami del sangue, delle urine e il pap-test, è con l’ecografia che avete modo di vedere il vostro bambino e di sentire il suo cuore battere.

Con essa il ginecologo verifica che la gravidanza si sia impiantata correttamente e stabilisce l’epoca esatta della gestazione. Ascolta che il battito sia regolare e vi informa di un’eventuale gravidanza gemellare.

Durante il primo incontro con il ginecologo viene misurata la pressione arteriosa e rilevato il vostro peso iniziale. Il medico compila una scheda in cui vengono inseriti tutti i dati degli esami in gravidanza, costantemetente aggiornata ad ogni incontro.

E’ durante il primo incontro che il medico vi deve informare circa l’esistenza di test di screening con i quali verificare la presenza o meno di malattie genetiche del bambino. Si tratta del Be-test da effettuare tra la 11° e la 14° settimana (composto da translucenza nucale e specifici esami del sangue) o esami geneteci più invasivi, come villocentesi (11° e 13° settimana di gravidanza) o amniocentesi (15° e 17° settimane).

Se la prima ecografia viene effettuata tra la 10° e la 13° settimana di gestazione, potete sottoporvi anche a transulenza nucale. Con la translucenza nucale, il medico verifica lo spessore della plica nucale e delle ossa del naso. Se i valori si discostano da quelli di un feto sano, sono alte le possibilità di avere un bambino con sindrome di down. Trattandosi di un test basato su dati statistici, per non avere dubbi circa l’assenza o meno della sindrome di down, è necessario sottoporsi ad un esame più approfondito come l’amniocentesi.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.