Alimentazione in Allattamento: Tutti i Consigli Utili per una Corretta Dieta in Allattamento

2342
Alimentazione in allattamento

L’alimentazione in allattamento deve essere curata e la neo mamma deve prestare particolare attenzione al proprio regime alimentare.

I cibi di cui vi nutrirete durante l’allattamento potranno infatti influenzare non solo la vostra salute, ma anche quella del vostro bambino.

Basti pensare, ad esempio, che una dieta povera di vitamine del gruppo B, in particolare della vitamina B 12 o coblamina, indispensabile per lo sviluppo cerebrale del bambino, potrebbe causare ritardi di crescita  e altre conseguenze negative sulla salute di lungo periodo di vostro figlio.

E’ dunque evidente come ogni neo mamma che desideri allattare debba prestare la massima attenzione a quanti e quali alimenti mangiare durante tutto il periodo in cui sarà impegnata nell’allattamento del proprio bambino.

La dieta in l’allattamento dovrà essere il più possibile sana ed equilibrata e gli alimenti che sceglierete dovranno contenere il giusto apporto di proteine, grassi e carboidrati.

In via generale, l’allattamento al seno comporta un dispendio aggiuntivo di energie pari a circa 500/ 600 calorie al giorno.

Questo significa che fino a che allatterete la vostra alimentazione dovrà essere incrementata di almeno 500 calorie in più rispetto alla vostra dieta abituale; qualora invece le calorie ingerite fossero inferiori a quelle richieste verranno intaccate le vostre riserve di grasso sottocutaneo.

I principi di base di una dieta sana sono di fatto gli stessi che valgono per le donne in stato interessante e in generale per tutti coloro, come ad esempio i bambini e gli sportivi, che hanno bisogno di incrementare la loro alimentazione per compensare un aumento del loro fabbisogno energetico.

Ma veniamo a noi e cerchiamo di capire come impostare una corretta alimentazione durante l’allattamento!

Fra gli alimenti da preferire ci sono:

  • la pasta ed il riso, anche nelle varietà integrali;
  • i legumi;
  • frutta e verdura a volontà;
  • carne magra, pesce e uova, da usare in modo alternato per almeno una portata al giorno.

Fra i cibi da evitare in allattamento – o comunque da consumare in modo più moderato – ci sono:

  • la carne rossa e grassa,
  • gli insaccati,
  • il latte e derivati del latte come formaggi e yogurt.

Alimenti out per la donna che allatta sono invece le bevande gasate, gli alcolici e superalcolici e la caffeina (consentita al massimo una tazzina di caffè o una tazza di tè al giorno).

Altri alimenti da evitare in allattamento sono i crostacei, i molluschi, la selvaggina, i funghi, le fragole e in generale tutti i cibi che potrebbero contenere degli allergeni o la cui carica batterica potrebbe interferire negativamente con la qualità del vostro latte.

E’ chiaro che oltre al tipo di alimento, dovrete prestare la massima attenzione anche all’igiene e alla conservazione del cibo, lavando sempre con cura frutta e verdura prima di ingerirla e conservando la carne, il pesce e gli altri alimenti freschi in frigo per al massimo due o tre giorni.

Per quanto riguarda la carne un’ottima regola per evitare spiacevoli conseguenze è quella di consumarla sempre ben cotta, evitando però di bruciarla in quanto le parti carbonizzate sono anch’esse molto dannose alla salute umana.

Per quanto riguarda il pesce abbiate la buona abitudine di consumarne almeno due/ tre portate a settimana, scegliendo soprattutto fra le varietà di pesce azzurro, come alici e merluzzo, e quelle ricche di omega 3 come trota e salmone, evitando invece i pesci a trancio come tonno e pesce spada che potrebbero contenere dosi elevati di mercurio.

Tenete presente che ogni variazione alla dieta deve essere valutata attentamente per non nuocere al vostro bambino: in particolare chi volesse adottare una dieta vegana o vegetariana mentre allatta, dovrà prestare la massima attenzione ad integrare la sua alimentazione mangiando molti legumi e assumendo degli integratori di vitamina B 12, dato che in natura questa sostanza, utilissima al nostro cervello e sopratutto a quello del nostro bambino, si trova solo negli alimenti di provenienza animale.

Non siate comunque in ansia per ciò che potrete mangiare o non mangiare mentre allattate: in realtà l’alimentazione durante l’allattamento non prevede schemi molto ferrei.

L’importante è di prediligere alimenti ricchi di vitamine, zuccheri semplici e proteine, piuttosto che cibi grassi e pieni di zuccheri complessi.

Ci sono poi alcuni cibi e spezie come il cavolo, la verza, i carciofi, l’aglio, la cipolla il peperoncino, che potrebbero dare al latte un sapore diverso da quello consueto che al bambino potrebbe non piacere. Usate in questo caso il buon senso: mangiare una volta ogni tanto degli spaghetti con aglio e peperoncino potrebbe non essere una cosa tanto grave!

Inoltre se avete sempre mangiato, anche durante la gravidanza, determinati alimenti come l’aglio e la cipolla, è probabile che il bambino già si sia abituato al loro sapore da non trovarlo più così sgradevole.

Se poi vostro figlio dovesse rifiutarsi di mangiare o essere più irrequieto del solito, è probabile che non abbia gradito qualche alimento che avete ingerito di recente. Il consiglio, in questo caso, non è di eliminarlo ma di assumerlo in minore quantità per abituare pian piano il bimbo al suo sapore e poter così continuare ad assumerlo senza problemi.

Qualora infine la vostra alimentazione in allattamento non fosse corretta o il vostro organismo risultasse carente di alcuni minerali o principi nutritivi fondamentali per la salute vostra o quella del bambino, come ad esempio il ferro, il calcio, le vitamine del gruppo B, sarà necessario assumere regolarmente degli integratori.

Ricordate infine che oltre a mangiare in modo adeguato, durante l’allattamento dovrete anche assumere liquidi a sufficienza (almeno una dozzina di bicchieri d’acqua non gasata al giorno) ed evitare nel modo più assoluto l’assunzione di sostanze nocive al vostro organismo e a quello del bambino come alcool, fumo di sigarette e tutti i tipi di droghe sia quelle pesanti che quelle leggere.