37 Settimana di Gravidanza: Pancia Dura e Perdite Bianche in Preparazione al Parto

49446
37 settimana di gravidanza trentasettesima settimana di gravidanza

Alla 37 settimana di gravidanza sarete davvero molto stanche e non vedrete l’ora di entrare in sala parto.

Tuttavia, dato che il conteggio delle settimane di gestazione inizia dalla data dell’ultima mestruazione, in realtà potrebbero volerci ancora due o tre settimane prima che il bambino nasca.

Le difficoltà nel camminare saranno davvero accentuate a causa delle dimensioni della pancia.

Non esitate, quindi, a chiedere aiuto ai vostri familiari anche per gestire le incombenze domestiche, come fare la spesa o accompagnare gli altri figli a scuola.

La nascita di un bambino è un evento che riguarda tutta la famiglia, non solo la mamma ed il papà, ma anche i fratellini, i nonni, gli zii.

Non c’è niente di male a cercare un supporto nei propri familiari, dato che anche loro faranno parte integrante della vita di vostro figlio.

Dato che il travaglio potrebbe scatenarsi da un momento all’altro, tenete il telefono sempre a portata di mano per contattare il vostro compagno qualora fosse necessario correre in ospedale.

Se il posto di lavoro del papà si trova molto lontano da casa, chiedete anche ad un’altra persona di rendersi disponibile ad accompagnarvi in ospedale.

Dal momento in cui avvertirete le prime contrazioni potrebbero volerci molte ore prima di arrivare alla fase espulsiva, tuttavia è meglio non correre rischi.

Qualora poi dovesse verificarsi un copioso sanguinamento, sintomo di distacco di placenta, non esitate a chiamare un’autoambulanza.

Dopo questi primi consigli, vediamo assieme cosa succede durante la trentasettesima settimana di gravidanza.

I cambiamenti nel corpo della mamma nella 37 settimana di gravidanza

Alla trentasettesima settimana di gravidanza il vostro utero avrà raggiunto la sua massima espansione e la cervice probabilmente avrà iniziato a dilatarsi.

Cambiamenti mamma in gravidanzaE’ frequente, in questa fase, assistere alla perdita del tappo mucoso, muco gelatinoso misto a sangue che serve ad isolare il vostro utero e a proteggerlo da virus e batteri.

Contemporaneamente, anche il vostro seno continuerà a crescere e trasformarsi.

Potrebbe essere davvero necessario comprare dei reggiseno di due o tre taglie in più rispetto a quella abituale. E’ probabile che dai capezzoli inizi a fuoriuscire colostro.

In questa fase è davvero molto utile massaggiare e nutrire la pelle del seno con creme emollienti ed idratanti, sempre che siano compatibili con l’allattamento. Di sicuro il vostro medico vi saprà consigliare in proposito: vi state preparando a nutrire il vostro piccolo, quindi la prudenza è d’obbligo.

In generale il vostro stato di salute dovrebbe essere ottimo, altrimenti il medico avrebbe già deciso di avviare il parto: ad ogni modo, tenete costantemente sotto controllo la pressione sanguigna e i livelli di zucchero del sangue.

Eventuali giramenti di testa o svenimenti vanno subito segnalati perché potrebbero essere sintomo di cattiva salute vostra o del bambino.

Come si sviluppa il feto nella 37 settimana di gravidanza

Durante la trentasettesima settimana non ci sono di fatto modifiche sostanziali nel corpo del bambino, se non che continua a crescere ed ingrassare.

cambiamenti del bambino in gravidanzaIn media, si calcola un aumento di circa 200 grammi al giorno in questa fase della gestazione.

Tenete, comunque, presente che il peso del bambino che il ginecologo effettua tramite il rilievo ecografico rappresenta solo una stima approssimativa del peso reale.

Quindi non stupitevi se quando nascerà sarà di poco più grande, o più piccolo, di quanto il medico vi aveva detto nell’ultima visita.

Il suo peso potrebbe aggirarsi ora intorno i 3 Kg e la sua lunghezza potrebbe essere di circa 48-50 cm.

E’ importante che durante la 37 settimana di gravidanza il bambino abbia assunto la posizione cefalica, vale a dire si sia posizionato con la testa verso il basso.

E’ probabile che man mano che vi avvicinate al parto, la testa scenda ulteriormente all’interno dell’osso pelvico, comportando un accentuato senso di pesantezza.

Anche se la posizione cefalica è la più frequente, in alcuni casi il piccolo può assumere anche altre posizioni, ad esempio di spalla o sedere.

La posizione più rara ma anche la più difficile per poter procedere al parto, è quella podalica. In tal caso, il medico potrebbe tentare delle manovre per far capovolgere il bambino, oppure optare da subito per un cesareo se gli svantaggi di un parto naturale sono superiori ai vantaggi (scopri di più in questo articolo).

Stile di vita ed esami durante la 37 settimana di gravidanza

Alla 37 settimana di gravidanza finalmente realizzerete che un nuovo capitolo della vostra vita sta per cominciare.

Presto diventerete madri e, sia che si tratti del primo figlio, del secondo o del terzo, questa è sempre una delle più belle esperienze che una donna possa vivere.

Esami in gravidanzaLa gioia per la nascita vi ripagherà di tutte le difficoltà e i malesseri che la gravidanza ha comportato. Affrontare serenamente anche l’ultima sfida, vale a dire il parto, è un altro modo per accogliere il piccolo nel migliore dei modi possibili.

E’ buona norma, in questa fase della gestazione, riposare, non fare sforzi e nutrirsi in modo adeguato.

Continuate ad assumere fino al momento del parto e, in taluni casi, anche dopo, gli integratori che il medico vi ha prescritto.

Ora più che mai evitate pensieri spiacevoli ed emozioni negative: la mente, come il corpo, ha bisogno di stare in buona salute.

E’ probabile che il medico vi visiti a giorni alterni e che vi sottoponiate con maggiore frequenza ai monitoraggi del battito cardiaco fetale.

Sapere che queste sono le ultime ecografie da una parte vi rincuorerà, dall’altra vi farà sentire un po’ malinconiche.

Se non l’avete ancora fatto, raccogliete in una cartellina o in una scatola tutte le immagini ecografiche che il medico vi avrà rilasciato negli ultimi nove mesi: sarà di sicuro una bella esperienza rivederle più avanti insieme al vostro bambino, ripercorrendo insieme l’emozione della sua nascita.

Se vuoi sapere già cosa succederà alla 38 settimana di gravidanza clicca qui, altrimenti ti consigliamo di preparare la valigia per l’ospedale seguendo questi utili consigli.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.