Terza Settimana di Gravidanza: Quali Sono i Sintomi nel Primo Mese

10818
Terza settimana di gravidanza

La terza settimana di gravidanza è come se fosse la prima settimana effettiva: è proprio in questi giorni che avviene il concepimento e l’ovulo viene fecondato dalla spermatozoo.

Se state cercando una gravidanza sarete sicuramente in trepidante attesa, ma ahimé non ci sono modi ancora per scoprire se effettivamente è avvenuto il concepimento o meno. Dovrete resistere ancora qualche giorno prima di poter fare un test di gravidanza e scoprire se effettivamente siete incinta o se dovrete aspettare il mese successivo per riprovarci.

Molte di noi comunque non riusciranno a fare meno di fantasticare iniziando a calcolare la data presunta del parto e a pianificare le settimane di gestazione successive.

Mal di pancia, crampi.. vi chiederete per tutti i sintomi, gravidanza o ciclo? Sognerete di arrivare quanto prima alla quarta settimana di gravidanza per poter effettuare un test. Ma è meglio in questo periodo restare caute per evitare possibili delusioni.

Scopriamo ora come cambia il vostro corpo e come si sviluppa l’embrione nelle prime settimane di gravidanza.

I cambiamenti nel corpo della mamma nella terza settimana di gravidanza

La donna non avverte ancora sintomi di gravidanza o segnali nonostante sovente si cerchi di identificare qualche segnale che possa farci capire una presunta fecondazione.

Cambiamenti mamma in gravidanzaLa mamma nel primo mese di gravidanza non avverte ancora sintomi anche se alcune donne in cerca un bambino, e quindi sicuramente più attente ai cambiamenti del proprio corpo fin dalle prime settimane di gestazione, confessano di aver percepito il momento esatto dell’annidamento della blastocisti nell’utero.

Sembra che questo cambiamento provochi un dolore nella parte sinistra o destra del ventre come una sorta di pizzicotto interno. Non è detto però che se non avvertite questa sensazione non siate incinta e viceversa: infatti i sintomi, nidazione o endometrio inspessito, alla terza settimana non si avvertono ancora.

Dovrete ancora avere qualche giorno di pazienza in attesa del giorno utile per il test di gravidanza che grazie alle nuove generazioni di stick ultra precisi possono essere effettuati dal primo giorno di ritardo e sicuramente più attendibili dalla quinta settimana di gravidanza.

Come si sviluppa l’embrione nella terza settimana di gravidanza

L’ovulo è appena stato fecondato e non si parla ancora di embrione ma di blastocisti, cioè come un accumulo di cellule che si stanno moltiplicando velocemente.

cambiamenti del bambino in gravidanzaUna parte di questo primo agglomerato si svilupperà come placenta che proteggerà il bambino durante tutto il lungo percorso dei nove mesi di gravidanza.

Verso la fine della terza settimana di gravidanza la blastocisti dovrebbe finalmente annidarsi attaccandosi quindi alle pareti del vostro utero.

Le cellule continuano a moltiplicarsi in fretta e si sta iniziando a formare un primo abbozzo del sistema nervoso.

Stile di vita ed esami durante la terza settimana di gravidanza

La donna non avverte ancora sintomi di alcun tipo se non un probabile ma non sicuro pizzicore al ventre nel momento in cui si annida l’embrione alle pareti uterine.

stile di vita in gravidanzaPiù che tutto se state cercando una gravidanza sarete agitate ed euforiche nell’attesa di capire e scoprire se effettivamente siete incinta, ma dovrete aspettare ancora una settimana prima di poter effettuare un esame del sangue o un test delle urine.

Intanto è consigliato non cambiare stile di vita per paura che l’embrione non si annidi: la gravidanza non è una malattia e i medici, naturalmente se non ci sono situazioni particolari o altre complicanze, sempre di più spronano a mantenere le stesse abitudini di vita a meno che non siano già di per essere dannose. Infatti è opportuno non fumare, non assumere droghe, evitare alcolici e troppe bevande eccitanti.

I medici consigliano già in questo stadio della gravidanza di assumere l’acido folico in preparazione ai mesi successivi e di lavare attentamente frutta e verdura per evitare la toxoplasmosi.

Questa malattia infettiva si trova solitamente nel tratto intestinale dei gatti, che si infettano cibandosi di piccoli roditori e fungono come da serbatoio per la riproduzione della malattia. Ricerche recenti hanno dimostrato che c’è un alto rischio di contrarre questa malattia cibandosi di carni crude o poco cotte (specie di agnello), di insaccati, di verdure lavate male o di latticini non pastorizzati.

Non vi resta che armarvi di pazienza e attendere ancora qualche giorno per effettuare il primo test di gravidanza. Intanto puoi continuare a leggere cosa succederà nei prossimi giorni durante la quarta settimana di gravidanza.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.